Stupidario delle elezioni americane. Ci mancava solo Castro: Obama tifo per te

Ci mancava solo lui, Fidel. «Obama è più intelligente di McCain, io di certo faccio il tifo per lui». E fa pure lo spiritoso: «In America c’è un profondo razzismo, la mente di milioni di bianchi non accetta l’idea che una persona di colore occupi la Casa Bianca. Che non a caso si chiama Bianca... ». Il líder maximo scrive la sua sulle elezioni americane sul proprio sito web e senza volerlo, o forse sì, castra mica poco il suo nuovo pupillo: «È un vero miracolo che non sia stato assassinato come Martin Luther King o Malcolm X - la gufata di Fidel -. L’unica cosa in cui McCain abbonda sono gli anni, 72, e anche la sua salute non è affatto sicura». Cioè, senti chi parla.
Diciamocela tutta, Obama di tanto affetto avrebbe fatto volentieri a meno e non si aspettava certo che l’ultimo colpo basso della campagna dopo settimane di veleni arrivasse dall’Avana. Certo lui non è tipo che si tira indietro. Poche ore prima ci si era messo un suo fedelissimo John Lewis, deputato afroamericano della Georgia, a menare fendenti: «McCain e la Palin stanno seminando odio come fece il leader razzista George Wallace». Cioè quello che Martin Luther King una volta definì «il simbolo del Male in persona». E per non lasciare spazio a equivoci: «Wallace non lancio mai una bomba, né mai sparò, ma creò il clima che incoraggiò i vili attacchi contro cittadini innocenti che portarono all’omicidio di quattro bambine in Alabama». «Prenda immediatamente le distanze da questi commenti scioccanti, inaccettabili e oltraggiosi» si è fatto subito sentire McCain. Ok, ha risposto Obama, per voce del suo portavoce Bill Burton ma Lewis «è nel giusto quando condanna certa retorica piena d’odio». Che è come dargli ragione dandogli torto.
Comunque sia tra cazzotti e schiaffoni gira anche qualche carezza. Se dovesse vincere le elezioni, si dice sicuro il Telegraph, Obama offrirà un incarico di prestigio a John McCain alla guida di un’apposita Commissione per gli Affari dei veterani che gli sta a cuore moltissimo. «McCain è una brava persona», dicono abbia detto, «Obama è una brava persona» lo aveva anticipato McCain pigliandosi qualche fischio dai suoi. Pensa se fossero state due carogne...