Stupro, l’unico reato che aumenta ad Agosto

Agosto è il mese per eccellenza deputato alla villeggiatura e ai viaggi, e quindi dovrebbe essere anche il momento ideale per le scorribande dei topi d’appartamento, sicuri di trovare tanti e facili bottini. Invece, in base ai dati della prefettura, in questi giorni cala drasticamente il numero di delitti, tutti con un’unica eccezione: le violenze sessuali. Per gli altri crimini, in particolare reati contro il patrimonio, i periodi più «vivaci» sono infatti febbraio-marzo e ottobre-novembre. Mentre ad agosto calano i borseggi, più frequenti a marzo, gli scippi, che hanno il loro massimo picco in luglio, i furti in negozio, molto diffusi invece a febbraio, i furti d’auto, in salita a marzo, e persino le rapine, più «facili» in ottobre. E anche i colpi in abitazione risentono di questo andamento: nella media, durante i primi mesi dell’anno scendono toccando un primo «minimo» ad aprile, quando solitamente cade la Pasqua. La curva riprende poi a salire a maggio, ma già a giugno riprende a scendere fino ad agosto quando si tocca il minimo annuale. Ma già a settembre si ricomincia a salire, in maniera continua e regolare fino alla punta massima a dicembre, quando mediamente si consumano oltre il doppio dei furti in appartamento rispetto al «tranquillo» agosto.