«Su Abu Omar il governo ha sbagliato»

da Milano

Decisioni «politicamente e giuridicamente sbagliate». Bocciatura senza appello per la linea tenuta dall’esecutivo nell’affare Abu Omar. dal senatore dell’Ulivo, Gerardo D’Ambrosio. In un’intervista al settimanale L'Espresso, l’ex Procuratore della Repubblica di Milano ha spiegato che il conflitto di attribuzione sollevato da Prodi e la decisione del ministro della Giustizia Clemente Mastella di non chiedere l’estradizione dei 26 agenti della Cia, accusati del sequestro dell’ex imam, «legittimano il sospetto di una certa tolleranza nei confronti di questo tipo di operazioni».
«La presidenza del Consiglio - ha proseguito D’Ambrosio - dovrebbe spiegare se, nel 2003, chi era al governo era stato informato dagli americani che la Cia intendeva sequestrare una persona in Italia». Il senatore ha quindi aggiunto che «non si riesce a capire perché non chiedano l'estradizione». Il pm che indaga sul caso, Ferdinando Pomarico, ha commentato: «Condivido appieno le parole di D’Ambrosio».