Su le banche, scatta Prysmian

In Europa balzano i finanziari

Chiusura in deciso rialzo per Piazza Affari poco influenzata, come le principali Borse europee, dall’andamento fiacco di Wall Street. Il Mibtel ha guadagnato l’1,46%, l’S&P/Mib l’1,24%, l’All Stars il 2,2%. Fra le blue chip ancora una seduta sotto i riflettori per Alitalia, che ha guadagnato il 10,86%, e Impregilo (più 18,86%). In evidenza Prysmian (più 5,6%), Buzzi Unicem (più 4,7%) e Unipol (più 4,36%). Bene Snam Rg (più 4,2%), Seat Pg (più 3,6%) e Mediaset (più 2,3%). Positivo il comparto bancario con Bpm (più 2%), Fonsai (più 1,9%), Unicredit (più 1,8%), Ubi (più 1,8%) dopo la diffusione dei conti e Intesa Sanpaolo (più 1,45%) fra i migliori. In controtendenza Banco Popolare (meno 1%). Prese di beneficio su Pirelli (meno 3,5%) Bulgari (meno 0,8%) e Stm (meno 0,8%) in scia al cattivo andamento del settore tech negli Usa. Le Borse europee hanno guadagnato mediamente un punto percentuale, trainate dai titoli del comparto finanziario e dalle buone performance sui di alcune società. Tra queste ha guidato i rialzi nel comparto assicurativo Swiss Life (più 7,2%) che ha riportato profitti in crescita del 44% mettendo a segno la cifra record di 1,35 miliardi di franchi svizzeri. Nel comparto bene anche Axa (più 2,8%) e la tedesca Allianz (più 2,5%). Il Dj Stoxx 600, indice che fotografa l’andamento dei mercati del Vecchio Continente, a fine seduta ha registrato un rialzo dell’1,3 per cento. Bene in particolare Francoforte che è salita dell’1,3%, inseguita da Londra (più 1%). Chiusura negativa per Wall Street. Il Dow Jones cede lo 0,97% a 12.302,54 punti e il Nasdaq l’1,87% a 2.280,3 punti.