Su Fiat raffica di realizzi

In vista del weekend Piazza Affari tira i remi in barca, anche in relazione all’audizione di Fazio al Comitato del credito. I titoli interessati al risiko bancario hanno subìto modeste limature, più accentuate per Bpi che cede oltre l’1%. Nel resto del comparto bancario si sono registrate flessioni intorno all’1% per Banca Intesa, S.Paolo Imi e Mediobanca, mentre tra gli assicurativi di nuovo realizzate le Generali (meno 0,9%). Su Fiat (meno 3,85%) sono scattati realizzi dopo i forti rialzi dei giorni scorsi. Lo scarso interesse manifestato per Rcs ha fatto flettere il titolo dello 0,8%. Giornata negativa per i titoli dell’energia, con Eni ed Enel che arretrano di oltre l’1%, ma giù anche i tecnologici, con StM in calo dell’1,6%. È proseguita l’altalena su Alitalia (meno 2,3%), ma arretrano anche Marzotto (meno 2,1%) e Algol (meno 1%) alla notizia di difficoltà nella sottoscrizione dell’aumento di capitale in corso. Nel comparto tessile in calo Cucirini (meno 10,3%) e Pollone (meno 8,5%). Gli indici Mib arretrano dello 0,9%, più del doppio delle correzioni accusate dagli indici Comit e Mediobanca, in una giornata in cui è stata accusata una ulteriore flessione nel volume degli scambi, attestatosi a 2,6 miliardi di controvalore.