Su Fini i Pm perdono la parola

Il Giornale domanda, la procura di Roma risponde a modo suo. Senza dire nulla. Senza entrare nel merito delle dieci domande formulate per chiedere conto di un’inchiesta - quella per truffa sulla casa di Montecarlo - conclusa velocemente e con una richiesta d’archiviazione che convince poco. I titolari del procedimento, il procuratore Giovanni Ferrara e l’aggiunto Pierfilippo Laviani, hanno convocato la stampa per dire che loro hanno la coscienza a posto e che gli atti prodotti parlano da soli. Carte processuali che, per il momento, sono ancora coperte dal segreto istruttorio.