Su Internet la radio dei sogni proibiti

Meno male che c’è internet, là troverete la radio dei vostri sogni proibiti. L’indirizzo è www.accuradio.com, viene degli Stati Uniti e predica la democrazia musicale meglio di chiunque altro. Un paese dei balocchi per intenditori e chi aspira a diventarlo. La sezione più cliccata è «Motel California» che fa il verso a un celebre album e brano degli Eagles per ripercorrere album dopo album (ma quanti sono?) il repertorio west coast e il cosidetto Aor (Toto, Reo Speedwagon, Steve Miller Band, Crosby, Still, Nash e Young, Fleetwood Mac, Foreigner...).

Ma l'archivio a disposizione è smisurato e nessuno potrà lamentare lacune, c’è di tutto: dalla classica al jazz, dal country al folk, dal pop (con decine di suddivisioni in base ai decenni) al rock più duro o di facile ascolto. Il bello è che c’è persino la foto della copertina del cd dal quale è tratta la canzone con la lista dei brani, il compositore, l’anno di pubblicazione e altre indicazioni come l’eventuale rimasterizzazione, la casa discografica e il miglior prezzo disponibile sul web. Naturalmente non mancano generi estremi come l’heavy metal, il punk e il tortuoso progressive. Ma attenzione ai superbonus: se il brano non vi piace potete andare avanti con la scaletta fino allo spot che vi stoppa (in media uno ogni venti minuti) ed eliminare gruppi dalla lista dei generi.

Insomma un juke-box che permette di ampliare i confini ed andare a compravi il cd che finalmente avete capito di chi è. Dimenticavo: l’ascolto è ad altissima fedeltà, un bonus non da poco.