«Su Marrazzo ombre inquietanti»

Daniele Petraroli

Lo scandalo delle intercettazioni travolge anche la Regione Lazio. Le sintesi degli investigatori hanno svelato un coinvolgimento del presidente Marrazzo nella scalata di Unipol a Bnl. Secondo quanto si apprende, il neopresidente avrebbe aiutato, su diretta richiesta dell’ex sindaco Rutelli, il presidente di Unipol Giovanni Consorte a conquistare il controllo della banca. Avrebbe espresso soddisfazione, inoltre, per la fallita Offerta di pubblico acquisto del Banco di Bilbao sempre su Bnl che ha spianato la vittoria del gruppo assicurativo accordatosi con il contropatto della banca.
Se Marrazzo tace è l’opposizione a chiedere chiarezza sulla vicenda. «Secondo alcune intercettazioni degli inquirenti - ha dichiarato il vicepresidente del consiglio regionale Andrea Augello - Marrazzo sarebbe stato sollecitato personalmente da Rutelli a intervenire per acquisire una quota della Bnl e di ciò avrebbe discusso con Consorte, a quanto pare suo grande amico. Il fatto, se confermato, sarebbe gravissimo. Un conto è che la Regione acquisisca, a titolo di investimento, una quota azionaria di una banca romana. Altra, e diversa cosa, gravissima e persino ripugnante, sarebbe mettere a disposizione il denaro dei contribuenti per ordine di Francesco Rutelli per portare un pacchetto di azioni in dote a una scalata di un signore amico politicamente e personalmente del presidente».
Dubbi anche sui finanziamenti in campagna elettorale ricevuti da Marrazzo sono stati espressi dal consigliere regionale di An Bruno Prestagiovanni: «Siamo anche ansiosi di sapere dal presidente della giunta se la sua amicizia con Consorte ha dato o meno luogo ad appoggi da parte del gruppo assicurativo o dei suoi amministratori alla sua campagna elettorale». Stesso tono per il capogruppo Udc in Regione. «È piuttosto triste vedere che chi fino a poco tempo fa prendeva le difese dei cittadini in televisione oggi risulti chiamato in maniera non chiara nella vicenda Unipol-Bnl - le parole di Luciano Ciocchetti - Marrazzo deve chiarire al più presto il suo ruolo in questa storia».
«Si è cercato di fare favorismi con i soldi dei cittadini del Lazio? - si chiede Antonello Iannarilli, consigliere di Forza Italia alla Pisana -. Sono arrivati fondi per la campagna elettorale? Al presidente si chiede solo una solerte risposta».
La difesa di Marrazzo? Non pervenuta.