Su «Oggi» A confronto i ricordi di Benito e quelli della Petacci: non concordano

Il settimanale Oggi, nel numero in edicola, ha confrontato, giorno per giorno, i Diari di Mussolini da domani in libreria con quelli della sua amante Claretta Petacci, la cui autenticità è invece garantita dall’Archivio centrale dello Stato che li ha desecretati dopo 70 anni. I resoconti coincidono. Uniche due grandi differenze: le parole di Mussolini nei confronti degli ebrei e del Papa. Contro i primi il Duce si scaglia in privato con Claretta: «Porci, razza spregevole, li farò uccidere tutti» (9 ottobre 1938), addirittura prevedendo che si trattasse «un popolo destinato ad essere trucidato completamente» (18 aprile ’38). Nel suo Diario (vero o presunto) invece Mussolini scrive l’11 febbraio ’39: «Sono contro le leggi razziali». Eppure le aveva fatte appena approvare. Il 10 febbraio muore Pio XI. Mussolini annota: «Era un papa straordinario». Ma quattro mesi prima aveva detto a Claretta: «Tu non sai il male che fa questo papa alla Chiesa. Mai papa fu tanto nefasto alla religione come questo. Fa cose indegne, come quella di dire che noi siamo simili ai semiti. Ha scontentato tutti i cattolici, fa discorsi cattivi e sciocchi. È una vera calamità, peggio di questo papa in questo periodo non poteva capitare» (8 ottobre ’38). E sul sito del settimanale www.oggi.it si possono vedere alcune pagine manoscritte del controversi diari di Mussolini