Su Raitre comizi e falsità contro la riforma della Moratti

Mentre la Casa delle libertà si perde a protestare contro le “omelie” di Celentano la terza rete della Rai procede incontrastata in quella che è ormai una vera e propria campagna elettorale a favore della sinistra. Tutti i programmi sono stati trasformati in pulpiti per attacchi al governo da parte di esponenti del centrosinistra, oggi è toccato ancora al programma pomeridiano di Corrado Augias, il quale sulla riforma federalista ha dato campo libero a Vasco Errani per sparare a zero, con affermazioni del tutto false, contro il governo. Il presidente della mia Regione, da Augias apostrofato come Presidente della Regione Emilia (forse perché la Romagna, viste le velleità autonomiste, è ormai diventata un’entità scomoda), ha affermato infatti che è contrario al fatto che, con la Devoluzione, ogni regione abbia una sua legge scolastica, dimenticando che proprio l’Emilia Romagna ha approvato per prima una propria riforma della scuola, che prende il nome dall’assessore Bastico, per contrastare l’applicazione della riforma nazionale di Letizia Moratti. Errani ha poi lanciato i suoi strali contro il governo reo di attuare “tagli alla sanità“, una affermazione falsa, visto che il fondo sanitario nazionale è stato aumentato dal governo Berlusconi da 68 miliardi di Euro del 2000 ai 91 miliardi di Euro del 2005, una grossa fetta dei quali sono andati proprio alla regione governata da Errani.