Sua Maestà? Per vivere vende automobili

Sono finiti i bei tempi. Il dolce governar, le residenze regali, gli onori. Re e regine, principi e principesse regnano ormai quasi solo nelle favole. Nella vita, quella reale ma non più regale, sbarcano più o meno il lunario come tutti noi. Si arrangiano. Pensateci quando vi mettete in auto al mattino: perfino un discendente dello zar, il Granduca Nicola Romanovic Romanov, ha piazzato qualche decina di automobili, come un venditore qualsiasi. Non solo: ha venduto tabacco, allevato bestiame, fatto la guida turistica. Prendi Costantino di Grecia: ha abitato per una vita in un sobborgo di Londra. E il figlio dello Scià? Vive in una villetta come tante dalla parti di Washington. Per non parlare dell’ultimo erede di Napoleone: diseredato dal padre. Se la Storia non avesse disegnato altri destini sarebbero loro gli Obama del Terzo Millennio, i potenti del mondo, gli Asburgo, i Romanov, i d’Orleans, i Pahlavi. Invece oggi sono gente comune. Certo poi ci sono re come Simeone II di Bulgaria, che detronizzato, è stato eletto presidente repubblicano della nazione. Ma sono eccezioni. Che non si ripeteranno per esempio con i Savoia...