Suazo, la bestia nera del Genoa diventa rossoblù sotto la pioggia

Esordio bagnato, esordio fortunato. Così potrebbe riadattarsi l’antico proverbio. Crediamo però che i tifosi genoani abbiano in mente più che i detti, le tanti reti che David Suazo ha segnato al Genoa. Eh sì perché con le maglie del Cagliari e dell'Inter, l'honduregno ha violato spesso e volentieri la porta rossoblù. Tutti sperano dunque che con la casacca del Grifone torni quello dei tempi dell'isola. Non dimentichiamo che anche la prima marcatura ufficiale con la maglia dell'Inter è arrivata proprio contro il Genoa. Era forse destino che approdasse all'ombra della Lanterna. Il calcio, si sa, è una ruota che gira. Ora si scende, ora si sale. Quello che un giorno sembra impossibile, ventiquattro ore dopo appare compiuto. Prima ancora che il calcio mercato apra i battenti in maniera ufficiale, l'ex attaccante interista ha già svolto a Pegli i primi allenamenti con i nuovi compagni. Preceduto da un breve colloquio con mister Gasperini. Cosa gli avrà chiesto il tecnico? Non è dato a sapersi. Probabile che abbia voluto spiegargli subito che la sua velocità dovrà essere messa a disposizione della squadra. Perché se a Cagliari in attacco spaziava su tutto il fronte, a Milano non ha saputo imporsi. Soffocato forse dagli schemi prima di Mancini e poi dello Special One.
Qui a Genova dovrà dimostrare di essere importante all'interno degli schemi d'attacco dettati dal Gasperson. Floccari dunque andrà alla Lazio, nonostante ieri fosse ad allenarsi regolarmente a Pegli. «Finalmente siamo riusciti a compiere una trattativa con Lotito», spiega Preziosi che poi aggiunge: «Peccato perché il difensore laziale che ci interessava per loro era incedibile». Tornando sull'ex bergamasco precisa: «A Roma è andato in prestito. Crediamo ancora moltissimo nel giocatore». Terminata la prima operazione, la seconda è ormai al rush finale. «Menegazzo ha trovato l'accordo con il Genoa. Adesso tocca alla due società». Così a Tuttomercato Web l'agente del brasiliano Ricci. Un ostacolo non facilissimo da superare considerando che i francesi si stanno giocando lo scudetto.
Se in attacco e a centrocampo gli obiettivi sembrano raggiunti o quasi, resta da lavorare nel reparto arretrato. Continua con insistenza la voce di Britos del Bologna. Rinforzare un reparto però con un giocatore di una squadra che lotta per non retrocedere non sembra essere quello che serve. Dunque se l'ipotesi di uno scambio Esposito-Bonucci non decolla, restano sempre in piedi le piste che portano al portoghese Ricardo Costa e Rinaudo. Lucho Figueroa è vicinissimo al Rosario Central, mancano solo alcuni dettagli. Jankovic ha ripreso ad allenarsi con il pallone. Potrebbe essere un'arma in più nel finale di stagione. Lunedì 4 gennaio il capitano Marco Rossi sarà premiato dall'Associazione Circolo i Caruggi.