Un subacqueo con stile per veri professionisti

I modelli Lagunare della Glycine si segnalano per le notevoli dimensioni e la robustezza a prova di bomba

L’anno di fondazione di Glicine è il 1914, ad opera del pioniere dell'orologeria Eugene Meylan. Da allora il marchio Glycine è il simbolo di una raffinata precisione tecnica abbinata ad una resistenza strutturale di altissimo livello, declinate principalmente su modelli dalle dimensioni ragguardevoli, d'impianto militare o capaci di raggiungere profondità notevoli. Oggi, il catalogo Glycine si distribuisce sulle collezioni Airman, Altus (dalla particolare cassa, incrocio tra un rettangolo ed un ellisse a sviluppo verticale), Combat, F104, Incursore, KMU 48 e Lagunare. Distribuiti in Italia dalla Acron srl, nel 2006, gli orologi Glycine hanno arricchito le loro linee con importanti novità presentate a Basilea. Tra queste, concentriamo la nostra attenzione sui robusti subacquei della collezione Lagunare, certamente una delle più rappresentative dell'azienda e, specificamente sul nuovo Lagunare 1000, in acciaio, un modello di élite in termini di affidabilità e precisione. Le caratteristiche principali di questo orologio sono, in primo luogo, la cassa da 46 millimetri di diametro e 13 di spessore, le anse prepotentemente allungate a fasciare il polso, la corona di carica/regolazione chiusa a vite (con doppio O-ring), il doppio fondello serrato a vite e la lunetta girevole interna dotata di un punto extra-luminoso, fondamentale in fase di immersione ed azionata da una seconda corona a vite posizionata a ore 2. Il quadrante, con lavorazione dual tone, disponibile nelle varianti nera, argenté e giallo mango, è rifinito con la serigrafia ripetuta del logo Glycine e presenta il datario a finestrella al 6; è protetto da un vetro zaffiro antigraffio e antiriflesso e, unitamente all'insieme strutturale sopra illustrato, permette al Lagunare 1000 di raggiungere un'impermeabilità fino a 30 atmosfere.
Infine, il cinturino in caucciù si raccorda perfettamente alla cassa grazie agli inserti in metallo presenti all'interno della parte terminale ed è integrato da fibbia ad ardiglione. Il prezzo è di 990 euro.
Un'altra interessante proposta 2006 di Glycine, riguarda la collezione Incursore, un nome sinonimo di efficacia e tempestività e una gamma di modelli sempre pronti per l'azione. Si tratta dell'Incursore Power Reserve, in cui alle consuete dimensioni importanti della cassa in acciaio (46 mm di diametro e 15 di spessore), con spallette di protezione della corona a vite, si aggiunge la pregevolezza di un movimento meccanico automatico, calibro ETA Valgranges A07 (37,22 mm di diametro, 28.800 alternanze/ora, 46 ore di autonomia), che prevede l'indicazione della riserva di carica sul quadrante, al 6 (nella versione con quadrante nero l'area deputata, così come gl'indici sovradimensionati, è trattata con Super-Luminova®). Il fondello con oblò in vetro zaffiro, poi, consente di vedere all'opera il meccanismo, nonché la corona Glycine incisa sulla massa oscillante, mentre l'impermeabilità è garantita fino a 10 atmosfere. Il vetro zaffiro di protezione del quadrante (disponibile, oltre che nero, nelle varianti grigia e blu) accoglie un lentino rotondo in corrispondenza del datario a finestrella al 3 al fine di renderne perfettamente visibile l'indicazione.Il cinturino può essere in pelle o in caucciù con fibbia ad ardiglione e, ultima "chicca" di questo orologio che coniuga sapientemente sportività ed eleganza, proposto al prezzo di 1.690 euro, nello spessore periferico tra quadrante e lunetta, viene riportata in sequenza l'incisione del logo e della scritta Glycine.