«Subito i cantieri per la tangenziale»

Primo incontro ufficiale , ieri mattina al Pirelli, tra il neo sindaco milanese Letizia Moratti e il governatore lombardo Roberto Formigoni. Fissata l’agenda per il futuro prossimo: ambiente, sanità, trasporti, cultura, ma soprattutto infrastrutture. E, fra queste, la Tem (tangenziale Est Esterna) che la Moratti vuole veder realizzata il più presto possibile «essendo una priorità per Milano». Formigoni ha assicurato l’impegno della Regione in tal senso e nuovamente invitato la Provincia, «firmataria degli accordi», a non «venir meno ai propri impegni».
Salta, intanto, il consiglio comunale di lunedì. La Moratti non firma la convocazione e la seduta slitta. «Motivi tecnici», ufficialmente. In realtà un bel segnale ai partiti che a parere dell’ex ministro stanno facendo qualche bizza di troppo. Intanto Giovanni Bozzetti firma stizzito una lettera e annuncia di abbandonare la compagnia. «Ho lavorato cinque anni con grande entusiasmo, passione - spiega l’ex assessore a Moda e Grandi eventi, grande anima delle notti bianche -. E con ottimi risultati. Mi sarei aspettato una riconferma immediata. Non è arrivata e allora rinuncio». Oggi l’incontro decisivo An-Moratti.