«Subito legge speciale» Milano prepara l’Expo

Una legge speciale e un commissario straordinario, sono due i binari su cui Milano vuol viaggiare veloce verso l’appuntamento del 2015 con l’Expo universale. E, intanto, le imprese sembrano già credere nella scommessa. Come risulta da una ricerca della Camera di commercio per la quale sarebbero pronte a investire 4,1 miliardi di euro e ad assumere 98mila nuovi dipendenti tra personale a tempo indeterminato e collaboratori. Investimenti che, per il 65,9 per cento, saranno legati soprattutto alla realizzazione come fornitrici di opere e infrastrutture. Fra le richieste del mondo produttivo, invece, ci sono il potenziamento dei collegamenti tra la città, Malpensa e il quartiere fieristico di Rho-Pero, la sicurezza, più metropolitane, bus e tram, vigili di quartiere, parcheggi, verde e aree pedonali, riqualificazione di piazze ed edifici. «L’Expo - spiega il presidente Carlo Sangalli - è una grande opportunità per il sistema imprenditoriale. (...)