«Subito la riforma del lavoro A sinistra molti la voterebbero»

Il ministro Sacconi rilancia la necessità di una riforma del lavoro. E il premier Berlusconi guarda con attenzione al disegno di legge presentato da Pietro Ichino, senatore del Pd e tra i maggiori esperti di diritto del lavoro in Italia. «È un codice semplificato, composto di 70 articoli che supererebbe il dualismo fra protetti e non protetti» spiega al Giornale Ichino che a proposito di una maggiore flessibilità rassicura i sindacati: «La Cgia prevede una disoccupazione all’11%? Allarmismo inutile e premesse sbagliate, la legge si applicherebbe solo ai nuovi contratti».