Il successo arriva sulla rotta di "Magellano"

Azimut-Benetti. Il gruppo di Avignana a Genova con la «50»,
la navetta nata dopo la rivoluzionaria «74»

Tempi di slow boat, tempi di navette. Nello scorso anno Azimut si è mostrata attenta ancora una volta alla tendenza lanciando la linea «Magellano». Dopo il successo della navetta «74» arriva così la «50» che si candida a essere una delle barche più ammirate del Nautico di Genova. Omologato in classe A e con la notazione Green Plus, il nuovo quindici metri vuole essere il modello di medie dimensioni per tutti gli armatori che vogliono navigare in assoluta libertà, senza il bisogno di grandi prestazioni e nel massimo comfort. In alternativa ai due motori da 425 cv c’è il sistema Easy Hybridm progetto esclusivo realizzato dal dipartimento R&D di Azimut e che consente di navigare sino a 8 nodi, nel silenzio più assoluto - si tratta di motori elettrici - e con la massima semplicità. Quanto all’interno, nell’ampia zona tra la cabina armatore - posizionata a centro barca - e la cabina vip a prua è possibile scegliere tra le più diverse configurazioni: studio e cabina ospiti, studio e secondo salotto, secondo salotto e cabina ospiti, studio e zona servizi separata. Azimut ovviamente non è solo «Magellano». Nel grande stand della Casa di Avigliana faranno bella mostra il 48’ e soprattutto il 64’ Fly, erede di quel 62’ che ha regalato circa 200 vendite. Il progetto del 64’ Fly è di Stefano Righini per gli esterni e Carlo Galeazzi per gli interni. Due certezze che unite alla sofisticata costruzione - vetroresina e carbonio in infusione - hanno portato a uno scafo di sole 28 tonnellate per un venti metri, quindi capace di ottime performance e consumi ridotti. Performance assicurate dai due propulsori da 1.150 cv l’uno. Il 64’ Fly non passa inosservato: la particolare forma delle vetrate, i cristalli a specchio sul rollbar e la linea affusolata del fly danno il tocco in più. Altro punto di forza il comfort con il ponte principale dedicato alla zona giorno e quello inferiore con sole tre cabine: amatoriale - con piccolo salotto e grande bagno -, la vip e una cabina ospiti. E poi tante altre soluzioni per facilitare la vita a chi guida, ma anche il comfort di tutti gli ospiti a bordo: stabilizzatori giroscopici Seakeeper e l’Easy Docking per le operazioni di ormeggio.