Il successo Intanto il Ducale nelle stesse ore batte ogni record

Un Capodanno che ha tirato fuori i genovesi dalle case c’è stato. Un evento che ha fatto registrare un successo mai visto neppure ai tempi della mostra di Van Dyck è stato organizzato. Un’idea che ha dimostrato come la gente avesse voglia di sfidare il maltempo è diventata realtà. E forse ha aiutato il cuore di Genova a essere un po’ meno deserto. Palazzo Ducale ha stracciato qualsiasi record. In un giorno, anzi in 17 ore, ha fatto il pieno di visitatori come mai si era visto dal giorno della sua riapertura al pubblico.
Due mostre, quella su Lucio Fontana e ancor più quella dedicata a Fabrizio De André hanno fatto staccare 4.118 biglietti dalle 9 del 31 dicembre alle 2 di ieri mattina. Un successo oltre ogni previsione, concentrato anche nelle ore serali e notturne, nelle ore solitamente dedicate ai brindisi e ai festeggiamenti. Ben 1.028 persone hanno sfruttato l’occasione del biglietto doppio a 10 euro che offriva i due ingressi a partire dalle 21 di mercoledì sera. Poi altre 280 persone nel corso della giornata avevano acquistato il ticket per la mostra di Fontana, ben 1.782, in poche ore, si erano concentrati sul ricordo di Faber. Cifre ribadite ieri in giornata, con altri 1.463 biglietti per De André e 570 per Fontana. Una cinquantina appena i biglietti omaggio, a rafforzare il concetto che quando si organizza un evento di valore, che piace, i genovesi sono pronti a spendere e a fare la coda. Non serve neppure che sia gratis.