«Il successo della web radio sportiva? Io ci scommetto»

La web radio è un'idea che sembra l'uovo di Colombo, nata dalla fantasia di Riccardo Santoliquido, romano, ideatore di uno dei siti più consultati dagli scommettitori. Una fantasia che diventa realtà e che ci siamo fatti illustrare dal suo ideatore.
Santoliquido, come nasce l'idea?
«Nasce dopo il successo di ladritta.com, un sito a uso e consumo degli scommettitori visitato da oltre tre milioni di utenti l’anno e che sottolinea le prospettive di un settore in forte espansione ma con pochi servizi offerti agli utenti. Per questo, dopo aver importato tra i primi in Italia la figura del tipster, cioè di colui che fornisce pronostici basati su analisi tecniche e competenze specifiche, abbiamo deciso di introdurre una web radio in Italia».
Perché in Rete e non via etere?
«Perché il web permette costi ancora accessibili per chi si autofinanzia».
Come funzionerà la web radio?
«In maniera molto semplice: verranno fornite in diretta la cronache delle corse di cavalli del palinsesto Aams e una sorta di “Tutto lo sport mondiale minuto per minuto”, una serie di aggiornamenti in tempo reale su tutti gli sport su cui si può scommettere. Quindi non solo ippica, ma anche calcio, tennis, rugby, basket».
Gli utenti dovranno pagare per ascoltare?
«No, sarà tutto gratis, con un palinsesto dalle 14 alle 19 e con cronache per avvenimenti speciali come gli anticipi e i posticipi di serie A e i più importanti campionati stranieri. Basterà andare su www.ladritta.com e cliccare sull’icona della radio».
Quando partirà il progetto?
«A metà settembre, per la terza giornata di campionato saremo pronti e avremo ottimizzato il servizio».
Chi sarà ai microfoni?
«Quattro web-giornalisti-jay, tecnicamente preparatissimi ma anche molto spiritosi, capaci di offrire la simpatia della Gialappa’s unita alla competenza dei migliori cronisti di settore. E ci saranno anche un paio di ospiti che animeranno le radiocronache: Ascanio Pacelli, che sarà anche una delle voci dei posticipi, e Peppe Quintale».
Lei è un guru fra gli scommettitori. Domanda secca: chi vincerà il campionato?
«Non lo vincerà l’Inter. Nell’ordine consigliamo Milan, Roma e Juventus».
Chi sarà il capocannoniere?
«Totti non si ripeterà, più facile tentare la fortuna con Trezeguet».
Champions e coppa Uefa?
«In Champions non puntate su Chelsea e Barcellona, pagano poco. In Uefa un solo nome: Bayern».