Dal Sudamerica le gallerie d’avanguardia

Al MiArt si parlerà spanglish, come viene chiamata la sempre più diffusa mescolanza di spagnolo e inglese: nello spazio dedicato ogni anno a un Paese ospite sarà infatti la creatività latinoamericana a fare da padrona. Sotto la curatela di Omar-Pascual Castillo, critico cubano-spagnolo, approderanno in città alcune delle più interessanti gallerie sudamericane. Lo spazio urbano, complesso, disgregato, contraddittorio ma anche fecondo laboratorio creativo della contemporaneità è il fil rouge che tiene insieme le opere latinoamericane selezionate per la mostra-mercato milanese. Occhi puntati sull'Argentina e in particolare su Buenos Aires che, con le sue tante gallerie d'avanguardia, rappresenta la città più europea dell'America Latina e il baricentro della produzione artistica sudamericana contemporanea.