LE SUE PENSIONI

Torno, e mi auguro per l’ultima volta, sul caso del rinnovo dei vertici degli industriali genovesi, perchè vedo che è una di quelle cose che scaldano gli animi. Soprattutto, ci torno perchè credo che lo spettacolo a cui stiamo assistendo, anche senza entrare nel merito delle candidature, sia l’ennesimo colpo alla Genova produttiva. Quasi un manifesto della decadenza, non solo industriale, della città.
La mia idea è nota: personalmente, conosco troppo poco sia Malacalza che Bisagno per poter esprimere un giudizio completo, ma dal punto di vista industriale penso che il candidato migliore sia Vittorio Malacalza, perchè credo che possa essere un presidente forte, fare piazza pulita di tante incrostazioni che hanno rallentato l’opera degli industriali genovesi e perchè mi pare che le sue idee siano buone.
Come faccio a conoscere le sue idee? Malacalza ha avuto la cortesia di rispondere all’appello del Giornale di mettere le carte in tavola e di spiegare il suo modello di sviluppo per Genova e la sua idea di gestione di Confindustria. Credo sia un grande segno di rispetto anche e sorpattutto per tutti i nostri lettori e di questo lo ringrazio sinceramente. Anche perchè, fra tutti i candidati, è stato l’unico ad avere questo riguardo. (...)