Suez-Gdf, fondi all’attacco

Altri ostacoli sulla via della fusione per Gaz de France e Suez. Il fondo di investimento Usa Knight Vinke, che detiene una quota di minoranza in Suez, vuole infatti una revisione delle condizioni finanziarie del progetto che attualmente prevede una fusione tra eguali. Il presidente del fondo, Eric Knight, durante un’intervista alla radio francese Bmf ha detto che «se le condizioni dell’offerta non verranno sostanzialmente riviste gli azionisti voteranno contro». La prossima mossa annunciata da Knight sarà di riunire un 20% degli azionisti di Suez per fare in modo che le loro posizioni vengano tenute in conto dall’assemblea dei soci che si pronuncerà sul matrimonio tra i due colossi energetici.