«Sui bus la pubblicità di un gioco violento»

«Come ormai ci ha abituato da tempo, anche sul problema dei videogiochi violenti il sindaco Veltroni predica bene e razzola male. Era il 10 novembre quando spargeva indignazione a piene mani contro “Rule of Rose”, impegnandosi ad attivarsi presso tutte le sedi competenti per impedire la commercializzazione in Italia del videogame. Neanche due mesi dopo scopriamo che sui mezzi di trasporto pubblico del Comune campeggia con grande evidenza la pubblicità di un gioco di violenza inaudita, denominato “Gta”, vietato ai minori di 18 anni, in cui il protagonista ha come scopo quello di stuprare, uccidere e investire pedoni con l’autovettura e via di questo passo». A sostenerlo è il capogruppo di An in Campidoglio Marco Marsilio.