Sui mercati l’ottimismo si alterna con il pessimismo

Settimana di fortissima volatilità per tutte le Borse mondiali a causa delle preoccupazioni sulla crisi finanziaria del sistema bancario e per le ripercussioni negative sulla crescita economica. L’S&P/Mib future chiude a 26010 in recupero dal nuovo minimo dell’anno 25110 registrato nella giornata di martedì. Il trend di lungo termine è inquadrato in un canale ribassista il cui lato inferiore per questa settimana transita intorno a 23500, mentre il superamento di quota 30000 farebbe sperare nella fine dell'impostazione negativa che ci accompagna da luglio 2007. Nel breve periodo i rimbalzi, data la velocità della correzione alla quale abbiamo assistito, potrebbero essere di estensione importante spingendosi tranquillamente fino a 28000 senza mutare il quadro di fondo. In tale contesto è utile ricordare quello che è accaduto nel marzo del 2000 quando l’S&P/Mib future segnò un massimo a quota 50000 per poi arrivare a toccare un minimo nell’ottobre del 2003 intorno quota 20000. In un’ ottica di investimento di lungo periodo un eventuale avvicinamento a quota 22000-20000 sarebbe un’ ottima opportunità di acquisto.