Sui Navigli fa ritorno l’intimo sound dei Bluvertigo

Il leader Morgan definì «congelamento» quel periodo tra il 2001 e il 2008 durante il quale i Bluvertigo sono apparsi qua e là soltanto in qualche rara occasione (aprirono ad esempio il concerto di David Bowie a Lucca nel 2002), senza però lavorare a pezzi inediti o dedicarsi a nuovi tour in giro per l’Italia. Quella fase terminò ufficialmente la primavera scorsa, quando la band monzese si riunì per un concerto negli studi di Mtv e diede il via al «Re-Tour» nelle maggiori città del Paese, facendo intendere anche un nuovo disco in uscita nel 2009. E questa sera tocca a Milano. Il gruppo guidato dal presentatore di XFactor, che proprio oggi compie 36 anni, e da Andrea Fumagalli (in arte Andy) ha scelto (come presumibile) le Scimmie (ore 23), locale a cui è legato da sempre per la stretta amicizia coi gestori. La band si esibirà in una prestazione divisa in due blocchi, distinti ma comunque «consequenziali» e legati da un preciso «filo rosso»: nella prima parte ci sarà spazio per le cover soprattutto di David Bowie e Roxy Music, in onore dell’adorato (da Morgan e Co.) glam rock; durante la seconda fase i Bluvertigo si dedicheranno all’interpretazione dei loro brani più celebri, da «L’assenzio» a «La crisi», passando per «Fuori dal tempo», pezzi che li hanno catapultati in pochi anni sull’Olimpo del rock alternativo nostrano. Il sound del concerto di stasera, considerate le dimensioni del locale sul Naviglio Pavese, ormai consolidato ritrovo classico degli appassionati sarà per ovvi motivi più intimo, più raccolto, di quello a cui la band lombarda ha abituato i numerosi fan nei palazzetti. (Info: 02-89402874).