Sul futuro del ticket In tremila rispondono al sondaggio del Pd De Corato: «Inaffidabile»

Lo «spoglio» dei risultati scatterà oggi dopo le 15. Il Pd si è fatto in casa un mini-referendum su Ecopass, dato che il Comune ha rimandato la consultazione dei cittadini sul futuro del ticket a dopo l’estate. Quindi: l’opposizione ha inviato un questionario on line o ha chiesto di compilarlo ieri (e continuerà oggi) ai passanti di via Dante. «Il nostro sondaggio su Ecopass e le politiche antitraffico sta procedendo ottimamente - ha affermato il capogruppo del Pd milanese Pierfrancesco Majorino -: già oltre tremila cittadini hanno preso parte all’iniziativa. Conferma la voglia dei milanesi di intervenire nel merito delle scelte che riguardano la loro città. Frena l’entusiasmo il vicesindaco Riccardo De Corato: «Il movimentismo del Pd che in cerca di visibilità ora si mette a fare sondaggi sull'Ecopass arriva un po’ in ritardo - ammette -. Lo scorso 26 febbraio un sondaggio effettuato da 24 minuti, il free press del Sole 24 ore, ha detto che la metà dei milanesi, il 49 per cento, è favorevole all'allargamento dell'area soggetta al ticket. Dunque, promuove l'attuale provvedimento. Un dato sorprendente visto che, non c'è bisogno a dirlo, tocca le tasche dei cittadini. Dimostrano grande maturità e premiano il coraggio dell'amministrazione». De Corato è certo che «Majorino e compagni ci diranno che i loro dati dicono il contrario. Se la consultazione viene fatta sotto il segno di una bandiera politica voterà prevalentemente chi è di quella “parrocchia”».