Sul Monte Zatta morto il Faggio 40

È morto uno degli alberi monumentali della Liguria. Era stato chiamato «Faggio 40» ed era una delle piante più grandi e spettacolari della faggeta del Monte Zatta, nel territorio del Comune di Mezzanego, in Valle Sturla.
Il maestoso tronco del faggio era stato da tempo attaccato dai parassiti che lo avevano eroso sino a causarne la caduta, avvenuta nei giorni scorsi. Ma di questo storico albero non verrà fatta legna da ardere. Anzi, per volontà dell' amministrazione il grande e antico faggio diventerà una sorta di monumento storico.
La parte dell'albero rimasta in piedi infatti non sarà rimossa e accanto ad essa sarà collocata una bacheca con la sua storia e le sue caratteristiche.
Per la sua bellezza, in particolare della sua grande chioma, il faggio era stato inserito nella rosa degli alberi monumentali della Liguria in base ad una legge regionale del 1999.
Una leggenda racconta che sotto le sue fronde si ripararono da un violento e pericoloso temporale 40 contadini, da qui il nome «Faggio 40», con il quale è conosciuto ancora al giorno d'oggi.