Sul palcoscenico dell’Expo c’è spazio per due

I fondi ci sono, il commissario straordinario (cioè il sindaco Letizia Moratti che grazie a questa nomina potrà muoversi con grande libertà nei corridoi della burocrazia) pure. E c'è perfino il presidente (cioè il governatore Roberto Formigoni) del Tavolo Lombardia che non è un ristorante regionale bensì un organo che coordinerà tutte le province lombarde per gestire e costruire le infrastrutture.
A questo punto l'Expo 2015 può davvero partire. E bisogna fare in fretta perché cambiare faccia a Milano in sette anni non sarà facile. Innanzitutto occorrerà andare d'accordo. Soprattutto dovranno essere in sintonia la Moratti e Formigoni, due personaggi cui piace fare il protagonista senza lasciare molto spazio a chi «recita» con loro. Entrambi sono abituati a parlare chiaramente senza fare troppe concessioni alla diplomazia, il che è sicuramente una grande qualità purché, di tanto in tanto, per il bene comune, si sia disposti a tenere a freno la lingua. Qualche piccola scintilla c'è già stata. Alla Moratti che annunciava che il Consiglio dei ministri aveva già varato il decreto legge sull'Expo, Formigoni ha replicato: «Non ci sono comunicazioni ufficiali da parte del governo».
Fesserie. Totò direbbe: quisquiglie, pinzillacchere. Ma visto che nelle file dell'opposizione c'è già chi prevede (e si augura) una convivenza assai difficile fra i due, sarebbe questa una grande occasione per dare un ennesimo «schiaffone» al centrosinistra. Un'occasione che sarebbe davvero un peccato sprecare. Coraggio, sul palcoscenico si può fare bella figura anche in due.