Sul palcoscenico del Piccolo il «teatro civile» di Saviano

La letteratura torna in metropolitana: giunge infatti all'ottavo anno l'appuntamento, sempre più amato, con i Juke Box Letterari, ovvero i «dispenser» gratuiti di racconti nelle fermate della metropolitana milanese. Dodici opere narrative e una raccolta di poesie, vincitrici del concorso Subway-Letteratura curato da Davide Franzini e Oliviero Ponte di Pino, che saranno distrubuite in oltre 4 milioni di copie, dal domenica al 19 giugno, presso le fermate Duomo, Cadorna, Centrale, Loreto, Lambrate, Porta Garibaldi, Porta Venezia, Lanza, Moscova, Amendola, oltre che presso la sede dell'Università Iulm e presso gli Informagiovani. Al concorso hanno partecipato oltre mille persone, e i 12 autori di narrativa e gli 8 poeti vincitori - tutti rigorosamente under 35 - si sono aggiudicati il diritto di pubblicazione e distribuzione nazionale delle proprie opere. Fra di loro anche Marcellino Iovino con Il testamento di Borges, vincitore del premio speciale dello Iulm riservato agli under 19: «Quest'anno hanno partecipato ben 194 esordienti con un'età compresa fra i 14 e i 19 anni - spiega Lucia Rodler, docente di letterature comparate allo Iulm -. Colpisce la qualità elevata delle opere e l'attenzione verso l'analisi interiore, con personaggi malati, stanchi e soli, in bilico fra la vita e la morte». I vincitori della categoria under 35 sono invece Mirko Floria (Metrature d'esistenza), Matteo Ferrario (Buia), Roberta Casasole (Il murattore), Maurizio Patella (Craniata Terribile), Sara Loffredi (Non dire falsa testimonianza), Stefano Bianchi (Vicini cinesi), Nicola Barossi Restelli (Sfumature), Rita Parisi (Nero Cenere), Stanislao Rollo (Morta seduta), Fabiano De Micheli (Olimpia, la Svezia e una chiave a brugola), e Laura Tinti (Le Bolle). A selezionarli una giuria composta fra gli altri da Andrea G. Pinketts, Alessandra Casella, Raul Montanari, Paola Castiglioni. Tutte le opere sono anche consultabili sul sito www.subway-letteratura.org, juke-box virtuale cui, durante il corso dell'anno, i giovani scrittori possono inviare racconti e poesie. Accanto a questo, per il secondo anno si è affiancato un concorso, presieduto dal disegnatore Alfredo Chiappori, dedicato a giovani illustratori under 35, a cui è stata affidata la realizzazione delle copertine.