Sul tavolo dei Cabassi la proposta Moratti per le aree del 2015

Conto alla rovescia per la decisione dei Cabassi e della Fiera sulle aree Expo. I proprietari privati dell’area hanno tempo fino al 14 ottobre e stanno valutando la proposta formalizzata dal sindaco e commissario straordinario con pieni poteri, Letizia Moratti. È il dossier di candidatura a parlare di trasferimento delle aree che avviene gratis e a spiegare che «la città di Milano ha siglato un accordo amichevole ottenendo il diritto di superficie gratuito sull’area». E ancora che, «in cambio del diritto d’uso sui terreni, il Comune di Milano garantirà le autorizzazioni necessarie per una completa riqualificazione ambientale e urbana dell’area, una volta terminato l’evento».
L’area Belgioiosa (cioè l’area di proprietà dei Cabassi) misura 260mila metri quadrati, quasi totalmente nel Comune di Milano. Come è noto, è limitrofa al polo fieristico di Rho Pero: alla Fondazione Fiera appartiene una superficie doppia, pari a 520mila metri quadrati, che costituiscono la metà delle aree del sito. La parte restante è di proprietà di Poste Italiane, Comune di Rho e Comune di Milano.
Le questioni urbanistiche agitano anche i cittadini dei quartieri vicini. Circa 300 persone hanno partecipato a una manifestazione a Rho contro l’accordo di programma sull’ex area dell’Alfa Romeo, la cui destinazione d’uso verrà modificata da industriale a commerciale e residenziale. Spiega Andrea Savi, del Coordinamento per la difesa del territorio, che ha organizzato il corteo: «Il progetto di un mega parcheggio per l’Expo e di un centro commerciale da 77 mila metri quadrati porterà solo traffico e inquinamento per il territorio. Vorremmo che si ripensi il piano».