«Sulla Cassia va aperta una nuova linea metro»

La riqualificazione urbana della Storta voluta dal Piano regolatore pone inevitabilmente in primo piano il problema della viabilità nel quadrante Nord. Un’area dove la circolazione versa già in una situazione dai contorni gravi. In Campidoglio ieri se ne sono accorti anche gli esponenti del centrosinistra che nel corso del consiglio comunale hanno accolto con favore un ordine del giorno firmato dal consigliere di An Marco Visconti, membro della commissione Lavori pubblici, in cui viene chiesto di affiancare alla compensazione edificatoria della Giustiniana (nella zona sorgeranno nei prossimi anni 600 nuovi appartamenti) un importante intervento sulla viabilità. Un modo per tentare di arginare le conseguenze che il previsto aumento dei residenti nel quartiere avrà presumibilmente sul traffico. A questo scopo è stato proposto da Visconti e colleghi la progettazione e la realizzazione della Cassia bis in direzione della capitale, il potenziamento del trasporto pubblico nonché uno studio di prefattibilità che interessa la possibile messa in cantiere di una nuova linea della metropolitana. Un ipotesi, quest’ultima, che tuttavia non è stata presa in considerazione dal nuovo Piano regolatore e per la cui attuazione sarà necessario consultarsi a tempo debito con il ministero delle Infrastrutture. Soddisfatto Visconti che all’uscita dall’aula Giulio Cesare non ha nascosto a taccuini e microfoni il proprio ottimismo riguardo all’avvenire: «Il consenso dato a quest’ordine del giorno dalla maggioranza capitolina oltre che da An, Fi e Udc senz’altro ci permetterà d’iniziare a lavorare a un futuro migliore per i cittadini e di provare a risolvere il problema della viabilità nel quadrante Nord». Una zona che a suo avviso è stata penalizzata troppo a lungo sul versante delle infrastrutture. «Chiediamo perciò all’onorevole Gianni Alemanno - ha proseguito il consigliere comunale - nonché a tutti i deputati e ai senatori eletti in questa regione di farsi promotori del progetto, cosicché questo ordine del giorno venga rispettato sia dalla giunta che dal sindaco Walter Veltroni e porti a risultati concreti».