«Sulla missione il governo sbaglia»

Sono «inopportuni» i toni di «enfasi», se non addirittura di «trionfalismo», assunti da alcuni esponenti del governo italiano a commento della missione militare italiana in Libano: è la critica formulata dall'edizione dell'Osservatore Romano in uscita ieri pomeriggio. «Domani s'inizia la missione di pace del contingente di militari italiani in Libano. Un momento delicato per tutto il Paese visti i difficilissimi problemi di varia natura e le insidie che si prospettano all'orizzonte», scrive il quotidiano della Santa Sede. «C'è però chi, in ambienti politici, illustra tale complesso evento con enfasi, se non addirittura con trionfalismo. Questi atteggiamenti - nota il giornale d'Oltretevere senza riferirsi espressamente a nessuno in particolare - sorprendono e appaiono francamente inopportuni. La missione italiana in Libano si preannuncia temporalmente lunga... Va affrontata, perciò, è auspicabile, con responsabilità e con sobrietà».