Sulla Padania Berlusconi bacchetta il Senatùr: "Questa volta sbaglia, l'Italia ci sarà sempre"

Il presidente del Consiglio in una nota ufficiale: "Mi spiace questa volta di non essere d’accordo con il mio amico Umberto Bossi. Sono profondamente convinto che l’Italia c’è e ci sarà sempre". Il leader della Lega ieri sera durante un comizio aveva detto: "È un momento molto difficile e grave, se l'Italia va giù la Padania viene su"

Roma - Questa volta il presidente del Consiglio bacchetta le ultime esternazioni di Bossi in un comizio. Il premier Silvio Berlusconi prende le distanze dal leader della Lega, Umberto Bossi, sul futuro dell’Italia. "Mi spiace questa volta - dice Berlusconi in una dichiarazione diffusa da palazzo Chigi - di non essere d’accordo con il mio amico Umberto Bossi. Sono profondamente convinto che l’Italia c’è e ci sarà sempre. Celebriamo i 150 anni di unità di un Paese che ha sempre saputo reagire con grande orgoglio alle difficoltà che la storia gli ha posto innanzi. Un Paese che è unito - conclude il premier - con un Nord e con un Sud che sono partecipi di una comune storia e di un comune destino". Ieri notte nel corso di un comizio Bossi, nel commentare le parole del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, aveva dichiarato: "Questo è un cambiamento epocale, non è questione di Nord o di Sud: bisogna vedere se l’Italia ci sarà ancora... È un momento molto difficile e grave, se l’Italia va giù la Padania viene su".