Sulla riviera romagnola le olimpiadi da spiaggia

Tutto è pronto per il via ai Riviera Beach Games, le prime Olimpiadi
dei Giochi da spiaggia. Quattro giorni da vivere in
spiaggia con 400 ore di sport per tutti

Tutto è pronto per il via ai Riviera Beach Games, le prime Olimpiadi dei Giochi da spiaggia. L’accensione del braciere olimpico è avvenuto ieri negli undici Comuni coinvolti grazie a un tedoforo vip e con la partecipazione di migliaia di bambini. Quattro giorni da vivere in spiaggia con 400 ore di sport per tutti.

Olimpiadi dei giochi da spiaggia A partire da ieri la Riviera Adriatica dell’Emilia Romagna ha lanciato - per tutto il fine settimana - un ponte ideale con Pechino per dare vita ai Riviera Beach Games, le prime Olimpiadi dei giochi da spiaggia: 4 giorni di sport negli stabilimenti balneari di 11 località distribuite su 110 chilometri di costa. Quasi 100 gli appuntamenti da non perdere, tra cui un Mondiale e un Europeo di beach tennis (a Marina di Ravenna e a Riccione) e un campionato Europeo di foot volley (a Cervia). Tanti gli eventi a cui si potrà assistere con serate di divertimento on the beach, ma anche tanti quelli a cui sarà possibile partecipare con gare aperte a ragazzi e ad adulti che così, dopo aver applaudito i big delle varie discipline, potranno a loro volta sentirsi star per un giorno, sfidandosi sotto i riflettori di questa grande festa che svilupperà quasi 400 ore di sport.

L’inaugurazione con tedofori vip Dopo che martedì, a Cervia, i sindaci e gli assessori al turismo e allo sport della Riviera emiliano romagnola hanno dato vita ad una divertente anteprima “esibendosi” sulla spiaggia in sfide di beach volley, cheecoting e tiro alla fune, a rendere più suggestivi i Riviera Beach Games ieri c'è stata l’inaugurazione con una cerimonia ufficiale. Alle 18, in contemporanea negli 11 Comuni partecipanti, è avvenuta l’accensione del braciere olimpico con una fiaccola che sarà portata da tedofori vip. A Rimini è stato il tennista Igor Gaudi, accompagnato da centinaia di bambini ad accendere il braciere, a Riccione i tedofori sono stati la campionessa di nuoto Elisa Celli e il marciatore Marco Giungi. Cattolica ha affidato la fiaccola all’ex calciatore Eraldo Pecci, mentre Comacchio ha dato il compito all’ex olimpionica di maratona Laura Fogli. A Bellaria Igea Marina la fiaccola è stata portata dall’ex attaccante del Napoli e della Lazio Maurizio Neri e dall’ex difensore di Parma e Sampdoria Fausto Pari. Sarà il campione europeo di sci nautico acrobatico Marco Riva a portare la fiaccola per Ravenna, mentre a San Mauro Mare il ruolo di tedoforo è andato a Gino Stacchini, ex ala della Juventus. A Cesenatico accensione collettiva con decine di bambini dell’atletica Endas e della congrega velisti. Massimo Bonini, ex centrocampista di Juventus, Bologna e Cesena è stato il tedoforo di Gatteo a Mare, a Misano il braciere sarà acceso da un portacolori della società Atletica Santamonica. A Cervia, infine, i protagonisti dell’accensione che hanno dato il via ufficiale ai Riviera Beach Games sono stati Arrigo Sacchi, ex ct azzurro ed ex allenatore del Milan stellare di Gullit e Van Basten, il pallavolista Giusepe Patriarca, la calciatrice Katia Serra, l’ex ala di Cesena e Inter Alessandro Bianchi, l’ex attaccante di Cesena, Roma e Milan Massimo Agostini, detto anche il “Condor”, il nazionale di golf Andrea Bolognesi. Il braciere olimpico, che ogni località ha collocato in una posizione strategica e di grande impatto visivo, resterà acceso fino a domenica, giornata di chiusura dei Giochi.

Un mare di “specialità” da vivere Tante le sfide di grande livello agonistico a cui si potrà assistere, ma anche tante le gare a cui si potrà partecipare: da quelle di beach tennis (Marina di Ravenna ospiterà i Mondiali fino a domenica, mentre Riccione sarà scenario degli Europei), a quelle di beach volley, beach soccer, beach hockey, passando per le sfide di foot volley (con gli Europei a Cervia), beach frisbee (disciplina di cui Rimini è diventata “regina”, grazie all’annuale appuntamento mondiale del Paganello), fino alla disputa di regate, pedalonghe (spettacolari sfide con i classici pedalò), gare di nuoto, passando per lo speedminton, disciplina emergente tra il tennis, lo squash e il volano che rappresenta l’ultima tendenza tra gli sport di spiaggia. Nel cartellone di questa prima edizione dei Riviera Beach Games sono 15 gli sport protagonisti e con loro anche tanti giochi vintage come il cheecoting, il calcio balilla, le costruzioni dei castelli di sabbia, il tiro alla fune.

I numeri delle Olimpiadi dei giochi da spiaggia Considerando le gare tra i professionisti, quelle tra vip e quelle amatoriali aperte a tutti, si prevede che saranno 300mila i partecipanti a questa prima edizione delle Olimpiadi dei Giochi da spiaggia, almeno 40 i Paesi rappresentati e oltre 200 le squadre presenti. Per il beach tennis saranno utilizzate oltre 5mila palline, 300 palloni per il foot volley, 150 per il beach soccer, 600 per il beach volley e 50 per il beach basket. Per il beach hockey previsto l’uso di 60 palline, 200 quelle per il calcio balilla e circa 2000 le biglie che serviranno per le sfide di cheecoting. Per movimentare i campi di gara, costruire piste da biglie e castelli di sabbia saranno mosse circa 90 tonnellate di sabbia, e saranno 80 i pedalò che daranno vita alle sfide tra le onde.

Basta un clic per prenotare I Riviera Beach Games sono frutto di un progetto condiviso da Apt Servizi Emilia Romagna, Unione di Prodotto Costa e i Comuni della Riviera, con il coordinamento di Sportur Promotion. Rappresentano un’occasione straordinaria per riunire i big e gli appassionati delle discipline “regine” dell’estate, coinvolgendo tutto il territorio in un evento unico, ma destinato a ripetersi. Per pacchetti vacanza www.rivierabeachgames.it e www.visitemiliaromagna.co.