Sulle ipersportive Honda Cbr Rr arriva l'Abs da corsa

Se l’abs è importante sulle quattro ruote quando si è in moto diventa fondamentale. Il punto è che i motociclisti non riescono ancora a comprenderne i vantaggi innegabili. Tra le altre resta da sfatare la convinzione che tali sistemi di assistenza alla frenata risultassero controproducenti nell'uso più sportivo e tra i cordoli. Honda ha deciso di provarci con le proprie supersportive CBR RR 600 e 1000 che sono equipaggiate con un evoluto sistema di controllo della frenata denominato C-ABS che, a detta di quanti hanno avuto la possibilità di testarlo non solo migliora la sicurezza, ma permette di sfruttare al massimo tutto il potenziale della moto in maniera più "facile" ed efficace. A riprova di questo, Honda utilizzerà moto dotate di C-ABS anche nella prossima stagione agonistica. Il sistema sarà disponibile a richiesta sulle versioni 2009 della CBR 600 RR e CBR 1000 RR (che costano rispettivamente 10.900 Euro e 13.900 Euro) con un sovrapprezzo di 1.000 Euro Poche le novità introdotte sulla 1000 che sostanzialmente si limitano all'elettronica in grado di gestire l'ABS. Non passa certo inosservata la bella livrea "Repsol" in perfetto stile MotoGP. Più evidente l'up-grade della CBR 600 che ha interessato anche il propulsore ora in grado di garantire un'erogazione ancora più godibile grazie ad un incremento della coppia tra gli 8.000 e i 12.000 giri/min. Le altre modifiche riguardano anche in questo caso l'elettronica relativa al sistema C-ABS, il nuovo scarico in titanio e le pinze dei freni monoblocco. La volontà di Honda è quella di dotare dell’abs entro il prossimo anno tutta la propria gamma di moto stradali.