Sulutumana torna con «Arimo»

Arimo: sono decenni che noi adulti non sentivamo questa parola. La celebre abbreviazione di «arimortis», un’indicazione sacra di tregua, è rimasta viva ormai soltanto nel linguaggio dei bambini per indicare una pausa durante il gioco. E i Sulutumana (il nome significa «Sul divano») hanno fatto tesoro del loro «arimo», di quel momento di riposo a cui si sono abbandonati appena Michele Bosisio, uno dei fondatori, è uscito dal gruppo. E la conseguenza è stata che Arimo è divenuto il titolo del nuovo cd.
Ma che cosa accadde durante quel breve periodo in cui i Sulutumana si chiamavano Semisuite? «Prima di andare via, Michele ci ha chiesto di cambiare nome - racconta Gianbattista Galli, leader e voce della band sorta nel 1989 sulle rive del Lago di Como -. Abbiamo accettato, ma i fan non ci seguivano. Eccoci dunque ancora col vecchio nome».
Lo show di stasera al Piccolo Teatro Studio (con replica il 5 maggio alla Salumeria della musica) sa di anteprima. Il disco uscirà nei negozi il prossimo 2 maggio. Un lavoro di dodici tracce, fatto di storie intimiste. Arimo arriva dopo circa una decina di cd, tra album autoprodotti o finanziati da terzi. L’anno della svolta è il 2000, quando vinsero il Premio Tenco come migliore artista inedito. Oggi i Sulutumana sono considerati uno dei migliori esempi della nuova frontiera d’autore.

Sulutumana
Piccolo Teatro
Questa sera, ore 21
Informazioni: 848800304