«Summer Jamboree» sarà un film sul rock and roll

Il Summer Jamboree Festival e le radici del rock diventano un film. L’idea è dell’attore, regista e musicista Beppe De Caro, che ha già iniziato a girare le prime scene a Senigallia nel mese di luglio e che per completare il lavoro tornerà durante il festival internazionale di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50 che prenderà il via domenica prossima. Il regista bergamasco ha voluto che a narrare la storia del rock in modo leggero ma reciso fossero due esperti e appassionati del genere: Angelo Di Liberto, direttore artistico del festival e Alberto Bellesini. La narrazione dei due ciceroni del rock sarà il fil rouge attraverso cui intrecciare poi le interviste agli artisti ospiti. Ci saranno anche le interviste a Manu Chao, che ha esordito con il rock prima della patchanka, e ad altri artisti nazionali e internazionali, che parleranno delle influenze del rock nella loro musica e nella loro vita. «Questo lavoro nasce perché - spiega De Caro - lo dovevo al rock. Il rock non è solo musica. È un atteggiamento verso la vita, ti influenza in ogni cosa, nello stile, nel modo di fare».