Il Sun denuncia «Chelsea-Barça? Tutto previsto sul sito dell’Uefa»

Aumenta l’alone di mistero sulla semifinale di Champions tra Chelsea e Barcellona. Dopo la disastrosa direzione del norvegese Ovrebo - che in campo ha suscitato l’ira di Ballack prima e di Drogba poi - dall’Inghilterra arriva una clamorosa rivelazione. I tifosi del Chelsea hanno infatti scoperto che parecchie ore prima del match sul sito dell’Uefa è apparso un articolo quasi profetico sull’andamento della semifinale tra Blues e catalani. Nel pezzo in questione era scritto il risultato finale di 1-1. Inoltre si diceva che il pareggio degli ospiti sarebbe arrivato nei minuti finali. Infine, si indicavano i nomi degli ammoniti del Chelsea, azzeccando tre nomi su quattro (Ballack, Drogba e Alex). La denuncia viene dal tabloid «The Sun». Ce n’è abbastanza per fornire ulteriori spunti ai sostenitori della teoria del complotto ai danni del Chelsea da parte della Federcalcio europea. La Uefa si è rifiutata di rispondere a chi chiedeva chiarimenti sulla questione.
Solo fantasia o la clamorosa scoperta di una frode sportiva bella e buona? La vicenda appare quasi inverosimile, come inverosimile sembra la possibilità che Ovrebo abbia indirizzato la partita a favore dei blaugrana. Tra l’altro, il fischietto norvegese ha anche espulso (ingiustamente) un calciatore della squadra di Guardiola, circostanza che avrebbe potuto sfavorire gli spagnoli.
E a proposito di Guardiola (nella foto), c’è da segnalare che la corte di giustizia federale della Figc riunita in sezioni unite, ha accolto il ricorso dello spagnolo per la squalifica di 4 mesi inflittagli nel novembre 2001 dopo essere risultato positivo al nandrolone in un test svolto al termine di Piacenza-Brescia. Guardiola era già stato assolto penalmente per la vicenda (era stato condannato a sette mesi di prigione) e ieri ha chiuso definitivamente la pratica con sette anni e mezzo di ritardo. E poi c’è chi parla di accelerare i tempi della giustizia sportiva...