A suon di Tango l’eros sposa la morte

Il Tango bacia Regina, la morde, la fa gemere; lo aiuta il Bandoneon, vecchio Signore un po’ satiro e un po’ santo, docile come un cane da grembo ma capace di ogni perfidia. È la sfida più sensuale, il mistero di un suono che è gioia e morte, carne e sogno, Lucifero e Cristo. Dall’anima. Passi di tango (Le librette di controra, pagg. 61, euro 10) è il pamphlet provocante e provocatorio della misteriosa Dudù (di cui ammiriamo la forza narrativa e le belle gambe fasciate di nero fotografate qui e lì) che racconta il fascino di una musica, splendore del popolo, nell’epos di due donne; l’una estrema signora delle passioni, l’altra, vergine, ammalia persino Belzebù, che la invia sulla Terra a trovare l’immortalità ballando e rigenerandosi con i fluidi maschili.