Suoni e rumori da sinfonia

Musica e futurismo: se ne potrà avere un «assaggio» domenica: alle ore 18 al teatro Dal Verme l’orchestra dei Pomeriggi musicali - che ora ha come direttore artistico Ivan Fedele - eseguirà una serie di pagine degli autori della corrente: Franco Casavola («Il mercante di cuori» e «Ranocchi al chiaro di luna»), Francesco Balilla Pratella («Il tamburo di fuoco») e Silvio Mix («Angoscia delle macchine»); il direttore d’orchestra è Carlo Boccadoro. Nella sala di via San Giovanni Sul Muro tornerà l’Intonarumori, lo strumento inventato dal pittore-musicista Luigi Russolo, per l’occasione prestato dal museo Mart di Rovereto. «Il futurismo in musica? - fa eco Fedele - al di là delle partiture, ha lasciato il segno l’aspetto ideale, che ha interessato da Cage a Bartok». Ancora: «Russolo? Non si cimentò mai in opere organiche - scrive il compositore Armando Gentilucci nel suo libro «Introduzione alla musica elettronica - per cui la sua importanza e legata all’anticonformismo, al coraggio con cui condusse la guerra contro la tradizione».