SUONI E VISIONI Eclettismo al potere

Apre giovedì al Rolling Stone la rassegna di video e musica

Diventa maggiorenne «Suoni e Visioni», benemerita rassegna dell'assessorato alla Cultura della Provincia di Milano che ha fatto e fa della contaminazione di musiche e linguaggi contemporanei, anche lontani tra loro ma sempre e comunque di qualità, la «propria ragione sociale».
Impostazione che vince non si cambia, perciò anche nell'edizione numero 18 della manifestazione, che ha sdoganato prima del successo internazionale «big» del calibro di Goran Bregovic e Compay Segundo e vanta biglietti a prezzi calmierati (dai 12 ai 20 euro), i curatori Enzo Gentile e Marco Piccardi hanno allestito un ventaglio di proposte live davvero frastagliato, tra novità assolute (o quasi) e nomi che mancavano da tempo sui nostri palcoscenici. Alla prima categoria va indubbiamente ascritta la nigeriana Asa: suo il primo degli otto concerti, giovedì, al Rolling Stone. Cresciuta tra Parigi e Lagos, la 26enne artista dell'etichetta Naive (la stessa che ha lanciato la carriera musicale di Carla Bruni), autentico caso discografico in Francia con l'album di debutto omonimo, perora una canzone d'autore di matrice pop agile e mai banale che richiama all'Africa, al soul e al reggae.
Occhio (e orecchio) alla premiere milanese del fondatore dei Fairport Convention Richard Thompson (il 12 maggio al Teatro Manzoni alla testa di un inedito quartetto), e ai ritorni dell'ex leader dei Television Tom Verlaine nel trentennale dell'uscita di Marquee Moon, cult album della scena rock newyorkese di fine anni Settanta (7 aprile al MusicDrome), dell'ex bassista dei King Crimson Tony Levin (Teatro Leonardo, 15 maggio) e di due esponenti storici della ricerca jazz più radicale Usa quali il sassofonista Roscoe Mitchell e il trombettista Wadada Leo Smith (il 17 marzo in un Blue Note, tempio del jazz milanese, per una volta senza ristorazione né servizio ai tavoli). Nel cartellone, ad onore del vero un po’ troppo sbilanciato verso il gusto del pubblico adulto, c’è spazio anche per la 61enne Betty LaVette, regina del soul americano (1 aprile al Rolling Stone), e per il versatile pianista-compositore cubano Omar Sosa che, presenterà il 19 maggio al Rolling Stone il nuovo cd Afrecanos, suggestivo incontro tra jazz e tradizione melodica africana.
Oltre alla tradizionale carrellata di video e film dedicati a mostri sacri del rock (da Lennon a Young e ai Police), la rassegna ospita due performance multimediali con omaggi a Nick Drake (il 29 aprile) e a Fred Frith (il gran maestro del prog-rock e dell'improvvisazione chitarristica suonerà il 9 maggio in duo con il batterista-percussionista Tony Rusconi).
«Suoni e Visioni»
Da giovedì al 30 maggio
Tel. 0277406383
www.provincia.milano.it/cultura