Super Manchester United, Rooney fa 100 gol in Premier League

Nella Liga, il Barcellona mantiene 5 lunghezze sul Real. In Germania Bayer Leverkusen respinge l'assalto del Bayern. Francia, solo un pari per il Bordeaux e il Montpellier lo avvicina

Super Manchester United, si impone in casa dell'Arsenal e resta in scia della capolista Chelsea, mentre in Spagna e Germania equilibri intatti al vertice e in Francia il Bordeaux rallenta ma resta saldamente al comando.
Vittoria in trasferta, la quinta consecutiva in gennaio, per i blues di Carlo Ancelotti che passano sul campo del Burnley grazie all'incornata allo scadere di John Terry dopo che a Nicolas Anelka aveva risposto Steve Fletcher. Tre gol e tre punti anche per lo United, troppo forte per un modestissimo Arsenal. L'equilibrio si spezza alla mezz'ora quando Manuel Almunia devia nella propria porta un cross di Nani. Il raddoppio porta la firma di Wayne Rooney, alla 20ª rete in Premier League, la 100ª in carriera. Nella ripresa archivia la pratica Ji-Sung Park prima della rete della bandiera di Thomas Vermaelen. United ad una sola lunghezza dal Chelsea, che martedì deve recuperare l'incontro contro l'Hull City.
Si avvicina alla zona Champions il Manchester City che liquida il Portsmouth con due gol nella prima frazione di Emmanuel Adebayor e Vincent Kompany. Solo un pari senza reti per il West Ham contro il Blackburn, occasione sprecata per gli hammers di Gianfranco Zola per allontanarsi dalla zona retrocessine.
Restano cinque le lunghezze che separano il Barcellona dal Real Madrid. Basta un gol di Pedro ai blaugrana per imporsi a El Molinon contro lo Sporting Gijon. Spettacolare il successo delle merengues a La Coruña dove non vincevano dal 1991/92: dopo il vantaggio di Esteban Granero, Karim Benzema raddoppia. Riki accorcia nella ripresa ma ancora Benzema ristabilisce le distanze. Si avvicina al terzo posto il Siviglia che supera lo stesso Valencia con la doppietta di Alvaro Negredo, guadagnando due posizioni in classifica.
In Bundesliga il Bayern Monaco resta al primo posto per 24 ore prima che il Bayer Leverkusen, liquidando il Friburgo, ristabilisca le gerarchie. Alla Allianz Arena tutto facile per i bavaresi contro il Mainz: tutti i gol nella ripresa con Daniel van Buyten, Mario Gomez e Arjen Robben. Ma alla settima vittoria consecutiva del Bayern rispone con autorevolezza il Leverkusen, a segno tre volte in quattro minuti contro il Friburgo: Stefan Kiessling, Eren Derdiyok, Sami Hyypia mettono a segno le reti dei primi in Germania. Di Felix Bastians il gol del Friburgo.
Vince, e si conferma al secondo posto a pari punti con il Bayern, anche lo Schalke che affonda l'Hoffenheim con Kevin Kuranyi e Lukas Schmitz. Tracollo del Borussia Dortmund a Stoccarda.
Si deve accontentare di un pareggio senza reti il Bordeaux, bloccato allo Stade Chaban-Delmas dal Boulogne. Ma restano lontane le più dirette inseguitrici: -6 il Montpellier, che vince 2-0 sul Marsiglia (reti di Karim Ait-Fana e autogol di Benoit Cheyrou); -8 il Lille, a cui basta la rete di Eden Hazard per battere il Lens.