Superenalotto, jackpot: due "6" in un solo colpo Ognuno vince 70 milioni

Dopo 5 mesi il jackpot riempie le tasche di un pezzo d’Italia. Le schedine vincenti a Parma e Pistoia. Anche la vincita da 140 milioni era in Toscana<br />

Dopo 5 mesi e mezzo il 6 del Superenalotto è tornato a uscire, con due vincitori a Parma e a Pistoia che si portano a casa quasi 70 milioni di euro ciascuno (69.511.157,32), in un concorso «particolare» per gli amanti della cabala: il numero 17 del 2010. Alla faccia di chi associa quel numero alla sfortuna.
Una vincita «dimezzata» rispetto al montepremi a disposizione di 140 milioni, ma che è pur sempre la numero 5 nella storia del concorso di casa Sisal e dei giochi in Italia. Anche se lontana dai 147,8 milioni vinti il 22 agosto 2009 a Bagnone, ultimo 6 uscito, segno che la fortuna non ha voluto lasciare la Toscana. Non è un record, invece, la suddivisione del jackpot del 6, anche se mai era avvenuta con un montepremi cosi alto: il 21 marzo 2001 e il 31 gennaio 2009 sono usciti, infatti, ben cinque 6 contemporaneamente, facendo vincere 10 miliardi di lire la prima volta a ciascun fortunato vincitore, e quasi 8 milioni di euro la seconda volta. E la caccia al jackpot ripartirà da giovedì con un montepremi di tutto rispetto: 32,8 milioni di euro, frutto delle nuove regole che vogliono il 6 di «ripartenza» rinforzato dai montepremi del 5+ non assegnato. In attesa delle consuete indagini su chi ha vinto, intanto si festeggia in Emilia e in Toscana: a Parma il 6 è stato indovinato presso la tabaccheria Bottini nella frazione di Centrotorri, con una «giocata secca». La vincita realizzata a Pistoia nella tabaccheria che si trova nella centrale via del Lastrone sarebbe, invece, frutto di un sistema.

Grazie al «ritardo» del 6 il 2009 del superenalotto è stato da record con una raccolta di oltre 3,3 miliardi di euro che ha superato anche il precedente primato del 1999, quando gli incassi sfiorarono i 3,2 miliardi. Merito della «passione» che tra luglio e agosto ha fatto segnare cifre record (1,1 miliardi in appena due mesi), grazie al jackpot, poi vinto a Bagnone il 22 agosto. Ma merito anche grazie alla nuova fuga del 6 uscito oggi che da fine agosto al 9 febbraio ha mantenuto alto il livello di giocate nella caccia alla sestina, consentendo di raccogliere all’incirca 1,5 miliardi di euro in quasi 6 mesi: 85 milioni dal 22 a fine agosto, 303 milioni a settembre, 244 milioni a ottobre, 196 a novembre, 239 a dicembre e in crescendo 358 milioni nei primi 40 giorni del 2010.
A beneficiare di questa raccolta record è l’Erario, che nel 2009 ha incassato dal superenalotto 1,65 miliardi. Festeggiano anche i giocatori, visto che lo scorso anno le vincite hanno superato quota 1,13 miliardi. Quella di oggi è la novantesima vincita di prima categoria della storia: Campania e Lazio le regioni più baciate dal 6.