Superenalotto, un sistemino da 62 milioni

Centrata la terza vincita di sempre. La titolare del bar: «Il fortunato? Forse è un camionista o un extracomunitario»

da Torino

Alla fine il copione è il solito: la gente che pensa «perché non è toccato a me», le bottiglie di spumante stappate, la gente che non ha vinto che si raduna per festeggiare quello che non c’è e la titolare che pronuncia le parole di rito: «Spero che il vincitore si ricordi di me». È successo anche ieri sera a Sangano, nel Torinese, dove è stato centrato il «sei» al Superenalotto per un totale di 62.558.874,44 euro, la terza vincita di sempre. Il fortunato, quello che la bottiglia di spumante se l’è stappata a casa, ha incontrato la fortuna al Bar Accastello, in via Pinerolo Susa 82, dove poi appunto è stata festa tutta notte.
«Siamo tutti spaesati - ha detto la titolare del bar, la signora Ester Accastello - non riusciamo ancora a renderci conto di quello che è successo. Abbiamo iniziato a stappare le prime bottiglie, ma la festa è appena cominciata». Come sempre resta il mistero su chi possa essere il fortunatissimo vincitore: «Da questo bar passa moltissima gente, perché siamo proprio sulla strada. Abbiamo sperato che quello vincente fosse uno dei nostri sistemi che settimanalmente mettiamo a disposizione ai nostri clienti. Ma poi abbiamo controllato e ci siamo resi conto che potrebbe addirittura trattarsi di una schedina secca, singola. O al massimo uno di quei semplici sistemini che ho insegnato ai miei clienti abituali».
«Io spero - ha concluso la signora Ester - che il vincitore possa essere uno dei tanti extracomunitari che ogni giorno passano da qui, o uno dei camionisti che al mattino vengono a prendere il caffè da noi». E, naturalmente «spero che si ricordi anche di noi, che gli abbiamo portato fortuna. Qui questa sera brinderemo alla sua fortuna».
Lui, quello che si dovrebbe ricordare del bar che gli ha portato fortuna, si è piazzato nella graduatoria del gioco più amato dagli italiani alle spalle dei 65,9 milioni di euro vinti a Veduggio con Colzano - nel Milanese - nell'agosto 2003 e alla vincita record del 4 maggio 2005 registrata a Milano: 71 milioni e 700mila euro.
La sestina vincente è stata realizzata dopo 38 concorsi di digiuno: l'ultima volta il premio di prima categoria fu centrato a Frattamaggiore (Na) e distribuì 41,5 milioni di euro. Era il concorso numero 89 di martedì 20 settembre. Da allora, il montepremi di concorso è cresciuto di pari passo con l'innalzarsi del jackpot messo a disposizione per il 6, passando dai 4,9 milioni di sabato 24 settembre ai 62,5 milioni di oggi (con un incremento pari al 28,5%). In totale, i 6 realizzati nel 2005 hanno consentito di vincere complessivamente 194,2 milioni di euro. Su tutti, come detto, quello del 4 maggio: in quell'occasione, il jackpot venne diviso tra dieci fortunati giocatori, che utilizzarono un sistema incrociato. E anche allora il titolare del bar pronunciò le parole di rito.