Il supereroe che sa perdere Rossi beffato all’ultimo Gp

Vedere Nicky Hayden sventolare la bandiera a stelle e strisce, esultando per il suo primo mondiale, non pareva vero. Soprattutto sembrava impossibile che il ragazzo del Kentucky potesse riuscire nell’impresa - mai centrata da nessun altro - di soffiare un mondiale della classe regina a Valentino Rossi. Invece, a Valencia, il Dottore cade già al terzo giro e getta al vento gli 8 punti di vantaggio e il suo ottavo titolo iridato. La sua Yamaha numero 46 arranca e la Honda ritorna sul tetto del mondo. La classifica, impietosa, recita: Hayden 252 punti, Rossi 247. Decisivi i 5 punti persi contro Elias, che lo bruciò al fotofinish all’Estoril. Una delusione per i sempre più numerosi fan di Valentino, ma anche una dimostrazione di grande umanità e sportività. Dopo la comprensibile tristezza, infatti, il fenomeno di Tavullia si è subito detto pronto a tornare in sella per migliorare la moto e per tornare al posto che gli compete e a cui tutti siamo abituati: il gradino più alto del podio.