Il supereuro sfonda quota 1,60 dollari

Per la prima volta nella storia la moneta unica supera la soglia di 1,60 dollari. Anche il prezzo del greggio torna ad aggiornare i massimi toccando quota 119 dollari al barile. <strong><a href="/a.pic1?ID=256680">Benzina: 180 euro in più per ogni pieno nel 2008</a></strong>

Milano - Greggio ed euro alle stelle. Se la moneta unica supera la soglia storia di 1,60 dollari, l'oro nero tocca quota 119,26 dollari al barile. Immediati i rincari registrati in tutta Italia su benzina (1,41 euro) e gasolio (1,40 euro).

La volata del greggio Vola ancora il prezzo del petrolio, che sfonda quota 119 dollari al barile. Sul circuito elettronico i future sul Light crude salgono al nuovo record storico di 119,26 dollari, in rialzo di 88 cent. Nuovo massimo di tutti i tempi anche per il Brent che schizza a 115,03 in aumento di 60 cent. A spingere le quotazioni sono le tensioni geopolitiche in Nigeria, ma anche la resistenza dei Paesi dell’Opec ad aumentare la propria offerta sul mercato e la debolezza del dollaro, nonchè lo sciopero in una raffineria in Scozia. L’Opec ha, comunque, fatto sapere che aumenterà la produzione di cinque milioni di barili al giorno entro il 2012. Il segretario generale dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, Abdullah Salem El-Badri, ha detto che il Cartello punta ad aumentare la capacità produttiva di nove milioni di barili al giorno entro il 2020.

Nuovo massimo dell'euro Supereuro vola ancora e sfonda quota 1,60 dollari. La moneta europea sale al massimo di tutti i tempi di 1,6002 dollari, dopo i dati sulla vendita di case esistenti Usa, che a marzo calano del 2%, a dimostrazione che la crisi dei settore immobiliare statunitense è sempre forte. Ma a far volare l’euro sono soprattutto diversi esponenti del consiglio direttivo della Bce, che non escludono nuovi possibili aumenti dei tassi europei. In particolare il Governatore della Banca di Francia, Christan Noyer sostiene che l’Eurotower farà di tutto, non escluse nuove mosse sui tassi, per riportare entro l’anno l’inflazione sotto al tetto del 2%. Anche il Governatore della Banca del Lussemburgo, Yves Mersch si meraviglia che si parli ancora di possibili tagli dei tassi europei, e dice chiaramente che da mesi la Bce sta valutando la possibilità di rialzare i tassi per frenare l’inflazione. Euro/yen a 164,82 e dollaro/yen a 103,13.

Rincari su benzina e gasolio Nuovo record per i prezzi della benzina che raggiunge gli 1,413 euro al litro mentre il gasolio schizza ad un soffio da quota 1,4 euro al litro. Spinti dai nuovi massimi del petrolio i prezzi dei carburanti hanno registrato oggi nuovi rincari. Con l’Agip che - secondo l’aggiornamento di Quotidiano Energia - ha aumentato di 1,5 centesimi al litro la verde a 1,413 euro ed ha rialzato di 1 cent il gasolio a 1,399 euro al litro. Ad un passo cioè da quota 1,4 euro. Si tratta dei massimi storici, anche alla luce dello sconto fiscale di 2 centesimi attualmente in vigore.

L'allarme recessione "È possibile" che gli alti prezzi del petrolio possano portare alla recessione su scala globale. A margine dell’ultima giornata dei lavori dell’International energy forum, il direttore dell’Agenzia internazionale dell’energia, Nobuo Tanaka, ha detto che i prezzi alti sono "pericolosi per tutti" sia produttori sia consumatori ribadendo ancora una volta che l’andamento attuale dei corsi del greggio "può pesare sulla domanda".