Suzuki Splash, sorpresa di primavera per famiglie giovani

da Milano

Novità nelle concessionarie Suzuki: è Splash, minimonovolume a 5 porte e 5 posti con un look moderno e, pur con dimensioni compatte, un abitacolo spazioso e confortevole. «È stata progettata - spiega Romano Valente, direttore generale di Suzuki Italia - pensando alle esigenze delle famiglie giovani con figli che vivono nelle grandi aree urbane. Gli ingombri contenuti, l’economia di esercizio e la ricca dotazione in rapporto al prezzo fanno della Splash la compagna ideale, sia come prima e unica auto sia come vettura di servizio per accompagnare i figli a scuola o andare a fare la spesa al supermercato». Erede della Wagon R+ e quarto modello della strategia di espansione globale di Suzuki dopo Swift, Grand Vitara e SX4, la Splash nasce nella fabbrica ungherese di Eztergom, sulla piattaforma che dà i natali anche alla nuova Opel Agila.
Lunga 3,72 metri e alta 1,59, dice addio alle linee squadrate del modello precedente e punta sull’andamento sinuoso del frontale spiovente, delle fiancate e del tetto ad arco che suggerisce un'idea di dinamismo. A nobilitare e rendere allegro l'abitacolo ci pensano la plancia a doppia colorazione, il quadro strumenti con un solo grande elemento circolare e la consolle centrale comprendente la leva del cambio in posizione rialzata che si prolunga fino al tunnel. Tre i motori in gamma e disponibili sin dal lancio: i benzina 1.0 da 65 cavalli e 1.2 da 86, rispettivamente a tre e quattro cilindri, più il 4 cilindri turbodiesel 1.3 da 75 cv di origine Fiat che Suzuki fabbrica in India, così come il cambio manuale a 5 marce di serie e l’automatico a 4 rapporti offerto in opzione solo con la versione 1.2.
Salire e scendere dalla piccola Suzuki è facile, grazie all’ampia apertura delle porte e alle sedute rialzate. La miglior posizione di guida si trova facilmente, i comandi sono a portata di mano. Dietro, lo spazio per le gambe è sufficiente e quello per la testa abbondante anche per persone di statura medio-alta. La capienza del bagagliaio non va oltre i 178 litri (l’equivalente di due borse da viaggio) con tutti i sedili in posizione, ma sale a 1.050 ribaltando quelli posteriori. Anche con il più potente dei motori, la Splash si rivela ben piantata sulle quattro ruote, maneggevole grazie tra l’altro a uno sterzo preciso e progressivo, e con alti limiti di tenuta. Altra grande dote è la sobrietà, che fa bene sia al portafoglio sia all’ambiente: Suzuki dichiara un consumo medio di 4,5 litri ogni 100 km per la versione Diesel, 5 litri per il benzina 1.0 e 5,5 per l’1.2, che si traduce per le prime due nell'emissione di soli 120 gr/km di Co2 e per la terza in 131 grammi per chilometro.
Il prezzo è competitivo sia in rapporto alla dotazione sia ai listini delle rivali dirette (Renault Modus, Nissan Note e ovviamente Opel Agila): si parte dai 9.800 euro richiesti per la versione 1.0 nell’allestimento base L per arrivare ai 13.200 (più 600 euro per il filtro antiparticolato) della 1.3 DDiS (allestimento Gls).