«Sveglia, sveglia»: Ranieri dà la carica alla Roma

Ieri le urla «sveglia, sveglia» si sono sentivano chiaramente oltre il muro di Trigoria. Claudio Ranieri cerca di dare la carica ai suoi nell’antivigilia della partita di ritorno con il Panathinaikos. C’è un 2-3 da rimontare, impresa non impossibile. L’allenatore romanista sta torchiando la squadra, in vista di una gara che potrebbe però rivelarsi più complicata del previsto. Mancheranno sicuramente Totti, Toni e Julio Sergio (assenti sicuramente anche a Napoli domenica prossima), mentre per Pizarro le speranze di un recupero sono ridotte.
Momenti di paura per Menez, colpito alla caviglia sinistra, ma il francese dopo essere stato soccorso è tornato regolarmente in campo. Il calciatore transalpino potrebbe avere un’altra chance domani sera, anche se nei 75 minuti giocati contro il Catania non ha convinto. «Devono fare almeno 200 gare in Francia e avere una presenza stabile in nazionale - sottolinea il vice di Ranieri, Damiano, ai microfoni di Roma Channel -. Queste sono le caratteristiche dei calciatori transalpini che vengono in Italia. Menez ancora non è pronto per questa esperienza. Ha bisogno di maturare, siamo molto vicini, abbiamo dato fiducia e molta pazienza. Deve essere più generoso, determinato, dare di più». Alain Migliaccio, manager di Menez, commenta: «Credo che il mister abbia voluto solo spronare un po’ Jeremy. Onestamente non so adesso cosa voglia fare la Roma, se voglia prestarlo o no. A me hanno detto che non lo vogliono cedere e non lo vogliono dare in prestito. Menez ha un grande talento ma, è vero, non gioca quasi mai con la stessa continuità per novanta minuti». Menez ha comunque bisogno di sentire la fiducia e schierarlo domani sera sembra l’unica strada per provare a recuperare l’ex giocatore del Monaco.
Julio Baptista, che ieri ha fatto gli straordinari insieme a Vucinic, Juan, Cassetti e Tonetto con un supplemento di lavoro atletico, spera ancora. Piccolo imprevisto per Perrotta, per fortuna non di tipo fisico: all’uscita del centro tecnico Bernardini è stato costretto a fermare la sua Maserati per una foratura ad una gomma del veicolo.
La vittoria col Catania è stata la miglior medicina per dimenticare la sconfitta di Atene. I tre gol subiti pesano, soprattutto per come si era la messa la partita, con la Roma che a 10 minuti dalla fine aveva in tasca la vittoria. E per recuperare servirà una Roma più concentrata. Intanto ieri, causa uno sciopero dei dipendenti pubblici della capitale greca, il Panathinaikos ha già raggiunto Roma. Ventidue i convicati, tra cui il brasiliano Gilberto Silva, ma il tecnico Nioplias si è detto molto dubbioso sul suo impiego.
Ieri assemblea di Italpetroli: argomento della riunione, la perdita di circa 33 milioni del bilancio 2008 non ripianato in quello successivo. Incontro rapido, durato meno di due ore, nel quale Rosella Sensi ha dato le sue risposte. Speriamo convincenti, in attesa della battaglia giudiziaria con Unicredit che inizierà domani.
La Roma è finita nel mirino delle Iene. Stasera andrà infatti in onda un servizio in cui l’inviato Filippo Roma dimostra come l’iniziativa della società per San Valentino non permetteva alle coppie gay di usufruire dello sconto del 36%, regolarmente concesso a tutti i fidanzati che si sono recati allo stadio per la gara con il Palermo. C’è stato infatti un errore nella formulazione dei biglietti e dei relativi moduli per avere lo sconto. Raggiunto dall’inviato delle Iene, Ranieri si è detto «molto dispiaciuto per l’accaduto, l’anno prossimo correremo ai ripari».