Sventato un rave party alle porte di Roma I carabinieri hanno identificato 300 persone

I carabinieri sono stati avvisati dagli abitanti che hanno segnalato numerosi giovani e musica alta nelle campagne di Ardea. L'intervento tempestivo delle forze dell'ordine ha impedito che il raduno si trasformasse in un rave party

Roma - Identificate più di 300 persone nelle campagne di Ardea, vicino Roma. Si erano dati appuntamento per un raduno che aveva l'aria di trasformarsi in un rave party a tutti gli effetti. L'allarme è scattato dopo le segnalazioni arrivate ai carabinieri di numerosi giovani e musica alta, facendo scattare il dispositivo della Questura di Roma per contrastare i raduni musicali illegali.

Sul posto sono giunte diverse volanti, che hanno interrotto la musica e identificato organizzatori e partecipanti. Dal commissariato di Anzio commentano: "La tempestività dell’intervento è la dimostrazione che le forze dell’ordine non intendono abbassare la guardia sul fronte dei raduni musicali illegali e dei rave party". I carabinieri quindi invitano i cittadini a indicare e segnalare situazioni sospette e chiedono ai proprietari di terreni o edifici a rischio "di intensificare la vigilanza e dare immediata comunicazione di ogni anomalia riscontrata".