Con la Svezia 8 nuovi Lippi su Fantantonio «Non mi convince neanche Superman»

Orfano di 4 elementi tornati nei loro club (gli juventini Buffon e Cannavaro e i milanisti Zambrotta e Pirlo), il gruppo azzurro è da ieri a Milano Marittima per preparare la sfida di mercoledì con la Svezia. Lippi ha fatto disputare alla squadra una partitella con la primavera del Cesena allo stadio «Todoli» di Cervia. Il ct ha schierato De Sanctis in porta, Maggio, Bocchetti, Legrottaglie e Criscito in difesa, Biondini, Montolivo e Galloppa a centrocampo e in avanti il tridente Marchionni, Pazzini e Di Natale. Lavoro a parte per gli altri che hanno giocato più minuti con l’Olanda. Contro gli scandinavi previsti almeno 8 cambi all’undici in campo sabato. Intanto tornando sul capitolo Cassano, Lippi dice: «Se una importante trasmissione satirica nazionale dice che un giocatore ha dato un pugno a mio figlio e un tizio vestito da superman entra in campo con una scritta sulla maglia, io ci rido sopra. Sono cose che non disturbano e non condizionano. Tanto rimangono l’amichevole di mercoledì, e quella di marzo, poi si vola in Sudafrica. Se poi c’è qualche superman anche lì...».